Stato Sociale

Stato Sociale
Si conferma quest’anno la prevalenza delle iscrizioni ai licei (oltre il 55%): presuppongono il proseguimento fino alla laurea, che però raggiungono in pochi (metà della media Ocse). Bisognerebbe riqualificare i percorsi professionalizzanti, oggi spesso scadenti e privi di prestigio sociale, e conferire un valore effettivo alla laurea triennale, vissuta ora come una mera tappa di avvicinamento al titolo superiore
Claudio Salone
Sabato, 13. Luglio 2019
Stato Sociale
Come funziona e un’analisi dei pro e dei contro: Ci sono sia gli uni che gli altri, ma non si può bocciare senza appello una misura che allevierà le condizioni di un numero elevato di persone, da 2,7 milioni (stima Istat) a 3,6 (secondo l’Upb). Il confronto con gli impieghi alternativi e le ipotesi sui moltiplicatori fiscali, che potrebbero essere migliori di quelli dichiarati dall’esecutivo
Antonella Stirati
Domenica, 24. Marzo 2019
Stato Sociale
Riemerge periodicamente il problema dello svantaggio del Mezzogiorno, ma molto meni si parla delle differenze all’interno dell’area. Accade in vari casi che l’indennità per un disabile sia determinante per il sostentamento della famiglia. Se si rendesse totalmente detraibile la spesa per le badanti, poi, si incoraggerebbero le regolarizzazioni senza oneri per lo Stato
Aldo Amoretti
Giovedì, 2. Agosto 2018
Stato Sociale
Sono inserite tra le professioni gravose per cui è previsto di andare in pensione un po’ prima, ma i loro contributi sono così bassi che dovranno per forza restare fino a 70 anni e anche allora avranno assegni risibili. Alle famiglie che le assumono non si può chiedere di più: deve pensarci lo Stato
Aldo Amoretti
Lunedì, 20. Novembre 2017
Stato Sociale
Non vale la solita obiezione “non ci sono i soldi”: quella che manca è la volontà politica, le risorse si potrebbero trovare anche nei limiti ristretti imposti dalle norme europee. Anche a sinistra, comunque, non tutti sono d’accordo: la contro-prposta è che ciò che bisogna dare a tutti è il lavoro
Giovanni Principe
Domenica, 8. Ottobre 2017
Stato Sociale
La riforma organica di Berlinguer (del 2000) fu affossata dal successivo governo Berlusconi. Il centro sinistra (con Fioroni) si limitò a interventi parziali, e poi il duo Tremonti-Gelmini inaugurò la stagione dei tagli. Il colpo di grazia è arrivato con la renziana “Buona scuola”
Claudio Salone
Venerdì, 15. Settembre 2017
Stato Sociale
Uno dei decreti attuativi si propone la "promozione della cultura umanistica", ma, a parte la vaghezza e la sciatteria del testo, di letteratura o filosofia o lingue classiche non si parla mai. Si parla invece di arti, patrimonio culturale, "Made in Italy": insomma, studiate quel che fa guadagnare. Dulcis in fundo: esclusi nuovo personale o finanziamenti
Claudio Salone
Domenica, 5. Febbraio 2017
Stato Sociale
Il grande economista appena scomparso aveva dedicato la vita agli studi sulla disuguaglianza e la povertà. Nel suo ultimo saggio riassume in 15 punti le misure da adottare per arrivare ad una società pù giusta
Attilio Pasetto
Giovedì, 12. Gennaio 2017
Stato Sociale
Tra governo e sindacati è iniziato il confronto sull'utilizzo del Fondo, che è stato rifinanziato con 400 milioni. Anche se ci sono un po' più di soldi dopo i tagli del passato si resta in un ambito molto limitato: si considerano solo le disabilità gravissime e il ministero nemmeno accenna al problema delle badanti, che coinvolge oltre un milione di famiglie
Aldo Amoretti
Sabato, 30. Luglio 2016
Stato Sociale
Si continua a discutere di riduzioni di imposte e regalie varie, ma nessuno pensa a una forma di sostegno a un problema grave e diffuso come la non autosufficienza. Una deduzione dal reddito al 27 per cento costerebbe poco (dai 72 ai 250 milioni, a seconda delle stime) e farebbe anche emergere lavoratori in nero. Vari altri interventi sarebbero necessari
Aldo Amoretti
Domenica, 8. Maggio 2016

Pagine

 

SOCIAL

 

CONTATTI