Italia

Italia
Dopo il dato negativo del primo trimestre la crescita prevista dal governo per quest’anno è praticamente impossibile da raggiungere e questo influenzerà negativamente i conti pubblici. Se l’asse Berlino-Bruxelles pretenderà altri tagli non usciremo dal circolo vizioso austerità-tagli-austerità.
Carlo Clericetti
Martedì, 20. Maggio 2014
Italia
La manovra è di modeste dimensioni, ma quasi tutto dipende dalla sua credibilità: avrà successo se gli operatori italiani ed esteri riterranno che possa averne. L'abilità e la fortuna di un uomo politico consistono nel cavalcare la cresta degli eventi
Valerio Selan
Sabato, 10. Maggio 2014
Italia
Su un conto corrente con 30.000 euro che goda di un interesse dello 0,5% (oggi difficile da ottenere) l’aggravio è di 9 euro l’anno, su un conto di deposito remunerato al 2,5% si sale a 75. Chi ha di più è difficile considerarlo “povero”. Ma ora diventa ancor più rilevante la differenza di tassazione con i titoli pubblici, che non è stata cambiata
Maurizio Benetti
Mercoledì, 30. Aprile 2014
Italia
Cuneo fiscale, sostegno alle Pmi, regole di bilancio sono i tre temi principali del dibattito economico e dei programmi del nuovo governo, ma vengono per lo più affrontati in modo superficiale, più attraverso slogan che con spirito critico
Valerio Selan
Lunedì, 31. Marzo 2014
Italia
Bisognerà tagliare o no 50 miliardi per rispettare il Fiscal compact? Per evitarlo, dice il governatore di Bankitalia Visco, basterebbe una crescita nominale del 3%. Ma la Commissione, utilizzando metodologie più che discutibili, ci chiede altri tagli che frenerebbero la crescita. Un assurdo circolo vizioso basato su tecnicismi più volte rivelatisi sbagliati
Carlo Clericetti
Lunedì, 31. Marzo 2014
Italia
Il presidente ha cercato di salvare il salvabile a fronte di partiti politici divisi, confusi e incapaci di decidere, ma ciò che ha ottenuto è l’immobilismo. Il segretario Pd non ha concordato un preciso programma di governo, dando vita ad una soluzione debole e aperta alle incognite
Maurizio Benetti
Giovedì, 13. Marzo 2014
Italia
”Se Renzi fallisce non c'è che il tracollo”, dicono in molti: come avevano detto ai tempi di Berlusconi, di Monti, di Letta. Ma è un mantra che serve a non affrontare una vera analisi della crisi e del modo per uscirne, finora improntato a una continuità che ha dato pessimi esisti. Renzi deve decidere da che parte giocare la partita: con chi e contro chi
Giovanni Principe
Giovedì, 13. Marzo 2014
Italia
Dall’anno prossimo le regole del Fiscal compact ci imporranno di ridurre il debito del 5% all’anno. Se lo faremo con un elevato saldo primario la ripresa non arriverà mai. Basterebbe anche una crescita del 3,5% nominale, che però è difficilissimo ottenere. Tra le soluzioni ipotizzabili una sola è davvero praticabile
Maurizio Benetti
Lunedì, 10. Febbraio 2014
Italia
Le più evidenti sono quelle dell'area che ha retto la “ditta” fino al mese scorso, ma non mancano anche nella linea di Renzi: basta poco per capire che l’esito del voto con l’accordo che è stato raggiunto è ad altissimo rischio. Il segretario farebbe bene a non affidarsi solo alle sue qualità di leader sottovalutando l’importanza del partito
Giovanni Principe
Giovedì, 30. Gennaio 2014
Italia
Con i comportamenti incoerenti degli anti-renziani si potrebbero riempire molte pagine. I fatti sono che Renzi ha rotto uno stallo che durava da anni: ha concluso un accordo complessivo su legge elettorale, riforma del Senato e del Titolo 5° della Costituzione. Se approvate queste tre cose produrranno una forte svolta nel sistema politico italiano, dopo un lungo immobilismo totale
Fausto Tortora e Maurizio Benetti
Giovedì, 23. Gennaio 2014

Pagine

 

SOCIAL

 

CONTATTI