Europa

Europa
Il vecchio detto “Il dito indica la luna, lo sciocco guarda il dito” si può applicare alle ricette delle istituzioni e dei governi dell’Unione, che non avranno altri effetti che ostacolare la già debole ripresa. Nulla verso le cause strutturali, la sperequazione del reddito e la mancanza di investimenti
Rosita Donnini
Domenica, 16. Maggio 2010
Europa
Nell'ultimo decennio le economie dei Piigs (Portogallo, Italia, Irlanda, Grecia, Spagna) hanno avuto andamenti molto diversi: gli ultimi tre sono cresciuti a un ritmo doppio della media europea. In ognuno gli scompensi emersi derivano da cause specifiche. Il motivo per cui il modello tedesco non può essere quello dell'intera Ue
Ruggero Paladini
Giovedì, 1. Aprile 2010
Europa
Perché l’Unione europea non assiste la Grecia? Il problema di fondo è l'inconsistenza delle politiche dell’Unione europea e la sua permanente vocazione deflazionista
Antonio Lettieri
Mercoledì, 24. Marzo 2010
Europa
Il crollo dei socialdemocrati ha fatto parlare di trionfo della Merkel. In realtà il centro destra è al 48%, la sinistra (Spd, Linke e Verdi) al 46. La Spd, come altri partiti socialisti europei, ha pagato l'adesione al riformismo senza principi ispirato alle politiche neoliberiste
Antonio Lettieri
Domenica, 18. Ottobre 2009
Europa
La Carta di Nizza rischia di cadere nell'irrilevanza, mentre si svuotano alcune libertà sostanziali dei lavoratori. Ne sono una testimonianza le acrobazie verbali e argomentative della Corte di giustizia e le capriole dialettiche dei tecnocrati di Bruxelles nel tentativo di accreditare la flexi-security.
Umberto Romagnoli
Martedì, 5. Maggio 2009
Europa
In ordine sparso di fronte alla crisi, ma purtroppo non è la prima manifestazione di impotenza: gli esempi nel recente passato sono numerosi. Gli Stati temono la perdita di sovranità, senza considerare quanta ne hanno già persa di fronte al Moloch della globalizzazione. Torniamo alle "due velocità". O, almeno, puntiamo ad alcuni obiettivi immediati
Rosita Donnini
Domenica, 29. Marzo 2009
Europa
Sedici anni fa il Piano Delors affrontava una situazione di crisi: non si trovò mai la volontà di attuarlo. Anche oggi, di fronte a problemi ben più gravi, l'Unione si muove in ordine sparso. Ma se non si trova una soluzione concordata, protezionismi ed egoismi nazionali prenderanno il sopravvento
Ruggero Paladini
Venerdì, 27. Febbraio 2009
Europa
Il conflitto russo-georgiano ha rappresentato un’inattesa occasione per dimostrare una ritrovata capacità d’iniziativa dell'Ue. Ciò è avvenuto grazie ai paesi del "nucleo storico" che ne hanno assunto la guida, mostrando che è possibile riconquistare un ruolo da protagonisti nella globalizzazione multipolare
Antonio Lettieri
Venerdì, 12. Settembre 2008
Europa
I problemi dell'Unione sono del tutto assenti dal dibattito pre-elettorale. Eppure siamo dentro un crisi economica che in America è stata definita la peggiore dopo la Grande Depressione. Là, però, ci si sforza di varare politiche che la affrontino, mentre la tecnocrazia che governa l'Ue è rimasta del tutto immobile. Con l'adozione del Trattato di Lisbona le cose potrebbero cambiare: ma da noi nessuno sembra preoccuparsene
Antonio Lettieri
Giovedì, 27. Marzo 2008
Europa
I chimici hanno chiuso, nche se con qualche fatica, ma la trattativa dei metalmeccanici, appena iniziata, si preannuncia burrascosa: richieste sindacali e disponibilità degli imprenditori sono molto distanti. L'analisi della IG Metall per dimostrare la sostenibilità della piattaforma
Bruno Liverani
Venerdì, 16. Marzo 2007

Pagine

 

SOCIAL

 

CONTATTI